venerdì 1 febbraio 2013

Non solo horror: Memento


Titolo originale: Memento

Anno: 2000

Durata: 119 min.

Trailer:
 
 

Basato sul racconto 'Memento mori' di Jonathan Nolan.

Un film con un titolo così bello non poteva che essere un capolavoro.

'Memento' è la storia di Leonard Shelby (un fantastico Guy Pearce), che, in seguito ad un'aggressione nella quale sua moglie perse la vita, soffre di un disturbo della memoria, a causa del quale non riesce ad assimilare nuovi ricordi, e dimentica in un paio di minuti quello gli accade. Si aiuta come può: tatuaggi, biglietti, foto..
 
 

Il suo unico obiettivo è trovare l'assassino della moglie e ucciderlo.

E sia chiaro che non parliamo di un giallo, in cui la trama ruota intorno alla ricerca dal colpevole e stop, qui si va ben oltre.

Parliamo invece di un film dove niente è quello che sembra. Cioè, lo è per un po', poi si va avanti..no, si va indietro..cioè si va avanti ma in realtà si va indietro, perchè andare indietro ti permette di andare avanti.

Si è capito?

Tu parti con le tue idee, poi te le stravolgono, poi te le ristravolgono di nuovo e alla fine capisci che avevi ragione tu ma non nel senso che intendevi tu.

Non è un film semplice.

Che poi sì invece, è semplice, semplicissimo. Ma ci vogliono due ore a capire che è semplicissimo.

E sono due ore complicate.

Due ore nelle quali ridi, sghignazzi, poi ripiombi in una valle di lacrime quando Lenny si gira nel letto e non trova la moglie, e SA di non trovarla ma ci stai male lo stesso perchè poi lui prende la macchina e 'non riesco a ricordarmi di dimenticarti' che chiunque sia un minimo umano è già lì coi fazzoletti.

Tutto questo apparente caos è difficile da tenere in piedi senza che le persone si facciano venire l'esaurimento e spengano il film. Ma si può, quando sei un cervelluto come Chris Nolan.

Ci sono due questioni a portare questo film a un livello che gli altri ciao.

Il cast è perfetto. Interpretazioni commoventi, intense, tutte quante. Non ne trovo uno che non mi sia piaciuto. Teddy, per dire. Interpretato da Joe Pantoliano. Personaggio che già di suo si rivela il più interessante, quello su cui si fa lavorare di più il cervello. Se poi lo dai in mano a un professionista che qui si rivela così capace, il gioco è fatto. Esce il capolavoro.
 

Ma poi quanto intrippano questi film in cui non capisci per chi devi fare il tifo, in cui ti si fonde il cervello nel tentativo di comprendere quale sia la verità, quale personaggio sia quello che ti sta fregando. Ma tanto, sia chiaro che nessuno lo capisce del tutto. Fino a che non è finito il film, e tutte le questioni sollevate si risolvono, si concludono. Anche se ovviamente si erano già concluse prima, è che a noi è dato saperlo solo alla fine.
 
 

Potrebbe essere un film come tanti, ma il fatto che la storia ci sia presentata esattamente come nei ricordi di Leonard lo rende talmente intenso, riflessivo, intimo, che una volta finito, il tuo cuore rimane lì. E non parlo di quella commozione facile come quando muore Charlie di Lost. Che già lì lacrime a non finire. Qui è proprio il dolore che si può toccare con mano. Alcune scene sono strazianti.

La conclusione è che nei geni della famiglia Nolan deve esserci qualcosa che noi non abbiamo.

O forse dipende da quello che gli dava da mangiare mamma Nolan.





(Lo so che con Inception ha riprovato a fare la magia. E Inception è un bel film, davvero. Ma qui siamo su un altro mondo, i paragoni sono impietosi.)

12 commenti:

  1. Capolavoro assoluto, nonostante l'immensa filmografia di Nolan resta il mio preferito:)

    RispondiElimina
  2. @Nico: non ptresti trovarmi più d'accordo!

    RispondiElimina
  3. amo batman..ma Leonard Shelby sarà sempre il migliore..uno dei miei film preferiti in generale..

    RispondiElimina
  4. @Anonimo: non c'è paragone:)

    RispondiElimina
  5. Con un piccolo budget Nolan è riuscito a creare una un capolavoro...la storia in sé è banale, ma come viene raccontato è geniale. Non so se hai visto Following, il primo film di Christopher Nolan, non arriva al livello di Memento, ma lo anticipa per il tipo di montaggio.

    RispondiElimina
  6. @sarrus: Following lo conosco, lo punto da un po', ma lo devo ancora recuperare..imperdonabile, rimedierò! Grazie di essere passato!:)

    RispondiElimina
  7. Film semplice ma ben fatto, ben scritto e ben girato. Solo che è al contrario

    RispondiElimina
  8. Nolan,Nolan, l'uomo che è riuscito laddove tutti han fallito:farmi piacere una saga su un eroe "calzamagliato",uno che con the prestige ha girato un bellissimo film dove compare pure David Bowie nella parte di Tesla, non la band rock..lo scienziato! E poi Following?Un grandissimo che io lovvo abbestia,insieme a Lars Von Trier e Paul T Anderson eh!

    RispondiElimina
  9. @Frank: Non sono sicura di avere compreso il tuo commento, sai?:)

    @Babordo: Io continuo a pensare che il merito sia di geni favorevoli, fossimo tutti cervelloni così il mondo sarebbe un posto migliore!

    RispondiElimina
  10. Film fantastico, insieme a "The prestige" credo che sia il più bello di Nolan, superiore anche ai vari Batman e ad "Inception". Complimenti, ottima recensione ^^'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inception, tanto osannato, a me non ha convinto fino in fondo. Bel film, ma questo è un altro mondo! Grazie mille!:D

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+