mercoledì 13 febbraio 2013

Masters of Horror: Incubo mortale


(Prima stagione, ottavo episodio)

Titolo originale: Cigarette burns

Regia: John Carpenter

Anno: 2005

Trailer:



Se una persona si accinge a leggere un blog in cui parlo di cinema horror, ci sono ottime probabilità che sappia il significato di 'Masters of horror'. Per chi invece non ne sapesse nulla, tiro fuori la Mari maestrina e ne parlo un po'.

'Masters of horror' è un'iniziativa nata dalla mente mica tanto stupida di Mick Garris. Il signor Garris ha avuto l'idea di prendere i migliori registi di genere in circolazione, dargli in mano 1,8 milioni di dollari e dirgli: 'Girami un mediometraggio di 60 minuti a Vancouver. Per il resto, fai quello che ti pare.' Ne sono uscite due stagioni di film, da 13 episodi ciascuno, trasmessi dalla televisione americana.

Se devo parlarne, e figuriamoci se sto zitta, devo partire dal migliore. Dal Maestro.

 
Cari amici non appasionati di film de paura, se esiste un Master degno di tale nome, quello è John Carpenter. Quel regista a cui gli altri guardano con timore reverenziale (e vorrei ben vedere), quello a ci si stende il tappeto rosso dell'ammirazione quando ci si accinge alla visione di un suo lavoro. Big J.
Insomma, prendi il Sommo Regista, dagli totale libertà di gestione e lui ti tira fuori 'Cigarette Burns'.
Trattasi della vicenda di Kirby Sweetman gestore di un cinema che per rimpolpare gli introiti si occupa anche di ricercare materiale raro per collezionisti esigenti. Uno di questi collezionisti è il signor Bellinger, che assumerà Kirby per la ricerca di 'La fin absolue du monde'. Non un film qualsiasi, ma il film maledetto per eccellenza, proiettato solo una volta e poi fatto distruggere, perchè la sua visione causò attacchi di violenza inaudita tra gli spettatori. La ricerca però porterà il protagonista a confrontarsi con molto più che un semplice film.
 
 
 
La tematica, che già il Nostro aveva sfruttato per Il seme della follia, attizza. Le leggende sui film maledetti incuriosiscono, fanno molta presa.
È proprio la curiosità l'arma con cui Carpenter tiene gli spettatori per tutta la visione di 'Incubo mortale' (Devo dire qualcosa sul titolo italiano? Non ce n'è bisogno, vero?). Dal primo momento non fai che pensare a cosa cavolo potrà mostrare di così tremendo 'La fin absolue du monde' che Miike non abbia ancora mostrato. Va a finire che non riesci a scollare gli occhi dallo schermo, il crescendo di tensione si fa sentire, ma tu sei talmente impegnato a capire che cosa piffero succede che te ne accorgi solo dopo.
Il tutto con una dose di sangue non eccessiva. A parte alcune scene che, davvero, una risata te la strappano. Ma ci sta, smorziamo un attimo il clima che si sta facendo impegnativo.
 
 
Dialoghi bellissimi, attori credibili (Bellinger è Udo OcchiImpressionanti Kier, magnifico), musica adeguata (a opera del figlio di Big J, Cody), fotografia minimalista, un metacinema non troppo sottile, una cura per i dettagli e per le location che dimostrano, per l'ennesima volta, che quando uno è Bravo non ha bisogno di nulla. Non gli serve sfornare un film all'anno come pagnotte. Quando si smette di parlare di lui, ecco che Carpenter torna, e lascia tutti senza fiato.
L'unica cosa che non gli perdono è di aver chiamato il protagonista come un Pokèmon.





16 commenti:

  1. E io a chiedermi: cu è 'sto incubo mortale? Poi ho capito, il fatto è che io i MOH mi ero rifiutata di guardarli in italiano o, meglio, di ASPETTARLI in italiano e di settimana in settimana sbavavo nell'attesa della puntata.

    E questo, santo cielo, è un capolavoro. Ce l'ho in DVD e non smetterei mai di guardarlo, mette un'ansia incredibile ed è scritto e diretto benissimo!!
    Ma d'altronde, parliamo di Carpenter, mica pizza & fichi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, vogliamo discutere dei traduttori italiani? Uno studia per anni per intitolare un film 'Incubo mortale'? Serious problem.

      Elimina
  2. Ottimo prodotto, così come Homecoming, altro titolo interessante della serie.

    RispondiElimina
  3. So che parliamo di mediometraggio televisivo, ma secondo me questo è un capolavoro. Se tutti i film fossero di questo livello vivremmo in un mondo migliore.

    RispondiElimina
  4. ahah, non ricordavo il nome da pokemon del protagonista :)

    comunque, un piccolo (grande) cult

    RispondiElimina
  5. @MrJamesFord: Con moolta calma li recensisco tutti e 26, anche se non ho ancora avuto il coraggio di vedermi Imprint!

    @Frank: No dai, ogni tanto mi serve un FDC, devo sfogarmiXD

    @Cannibal: un Pokèmon carino e coccoloso, tra l'altro!

    RispondiElimina
  6. a me piace moltissimo anche The Ward ,criticato da molti,ma per me Carpenter è imbattibile eh ! ^_^

    RispondiElimina
  7. Poche storie, uno dei migliori lavori degli ultimi tempi orrorifici, e fa strano che sia un mediometraggio per la tv.
    Ottimi anche gli altri episodi citati nel post e nei commenti.

    RispondiElimina
  8. @babordo: L'ho visto tempo fa, ma prima di scrivere la recensione volevo rivederlo!

    @OSE: Quindi hai visto anche quello di Miike?

    RispondiElimina
  9. Assolutamente, è il mio preferito della prima serie. Pochi hanno saputo rappresentare così il sadismo umano. È che fotografia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' timorosa, ma lo so che alla fine lo recupererò..

      Elimina
    2. Di certo "tocca", non lesina nel mostrare, ma non è fine a se stesso.

      Elimina
  10. scaricato insieme a pro life,bello anche questo episodio.A me dei masters è piaciuto molto sick girls di lucky mackee e sounds ..insomma quello di brad anderson,davvero bellissimi

    ps: ho scritto un lungo speciale su romero e la sua trilogia degli zombi,uè se ti venisse voglia di commentarlo va bene eh :-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto il post, ma non sono ancora riuscita a trovare il tempo di leggere tutto, ho un sacco di arretrati! Ci farò sicuramente un salto!:)

      Elimina
  11. John Carpenter è un genio, questo episodio lo vidi anni fa, ma mi sa che lo devo rispolverare e mi è piaciuto un sacco, complimenti x il blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non smette di meravigliare neanche alla seconda visione! Grazie del complimento, e benvenuta!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+