giovedì 10 ottobre 2013

Maripensiero: American Horror Story

American Horror Story Coven è iniziato.
L'attesa è finita e noi anime lasciate in pena possiamo finalmente ricominciare a godere di quello che sembra essere il miracolo della coppia Murhphy-Falchuk.
La campagna pre-terza stagione è stata straordinaria, con alcuni tra i migliori trailer visti finora, e questo non ha aiutato gli impazienti. Se poi ci aggiungiamo l'ingresso nel cast di Kathy Bates, ciao. Ma ci siamo, rituffiamoci in una delle serie tv migliori di sempre.



Prima però, parliamo delle due stagioni che l'hanno preceduta.

Murder House



Nella prima stagione facciamo la conoscenza della famiglia Harmon: mamma Vivien, marito fedifrago maledetto Ben e figliola Violet, che si trasferiscono in una (straordinariamente bella) casa nuova, luogo di numerosi delitti e morti misteriose. Ne consegue che quando vi si trasferiscono loro, non è che la vita scorra proprio liscia come la seta.

Quindi, fantasmi come se piovessero. Gioia per gli occhi di una Mari che, come vi ho già raccontato millemila volte, ha una vera predilezione per il genere. Ma non sono i fantasmi il fulcro della vicenda, per quando siano belli rilevanti, presentissimi e angoscianti quanto basta. La vicenda ruota intorno ai conflitti umani, personali e interpersonali. Un matrimonio sull'orlo del fallimento, le colpe individuali e la responsabilità dell'altro, per di più con una figlia adolescente abbastanza grande da capire ma non ancora adulta in grado di capire DEL TUTTO. Ci sono quindi persone fragili, già provate dai propri sentimenti che poi si trovano pure la casa infestata. Un piacere.



Poi chiaramente la questione si evolve, perchè pare che questi fantasmi siano molto più 'interattivi' della norma, e se avete visto questa prima stagione sapete esattamente quanto interattivo può essere un fantasma soprattutto se indossa una tutina di lattice, per intenderci.
A questo punto la serie perde un pochino in atmosfera, è come se si fosse fatta l'abitudine ai fantasmi, e comunque la storia comincia a prendere una piega che rende gli ultimi episodi un po' inferiori ai primi, assolutamente incredibili. (Per capirci, è la storia dei gemelli quella che non ho mandato giù, ma immagino l'abbiate capito).

Complessivamente una serie da non perdere, ma aspettate di vedere la seconda.

Asylum



 La casa infestata degli Harmon lascia il posto a Briarcliff, manicomio criminale diretto da suor Jude. In un solo luogo troveremo assassini, pazzi, posseduti, omini verdi, preti ambiziosi, scienziati nazisti, giornaliste lesbiche. . .
Un'accozzaglia?
Ecco, qui sta il 'miracolo' di American Horror Story Coven. C'è una TONNELLATA di carne al fuoco, ma mai che venga un minimo di mal di testa, mai che qualcosa sia lasciato al caso, mai che qualcosa venga lasciato lì nel dimenticatoio. Torna tutto, tutto si sistema e vissero per semre felici e contenti. (See, vi piacerebbe!)



Quello che rende la seconda stagione una serie che sta proprio nella grazia di Dio (ragazzi, sto migliorando decisamente con i giochi di parole, sì!), però, non è l'accozzaglia, quanto piuttosto l'incredibile, straordinaria, e metteteci tutti gli aggettivi positivi che conoscete, caratterizzazione dei personaggi.
Ragazzi, ce ne fosse uno scritto male, uno. Manco per pietà, tutti una meraviglia. Interessantissimi, pieni di complicazioni, tutti analizzati fino in mondo, tutti messi alla prova dal luogo infernale in cui stanno, è fenomenale.
Tutto ciò è fenomenale.



Se poi ci mettiamo che sono tutti resi incredibilmente da un cast allucinante, capitanato dalla solita fantastica Jessica Large che regala un tocco di grazia a tutte e due le stagioni ma che nella seconda veramenente è illuminata dalla misericordia divina (restando sempre in tema).

E poi la colonna sonora (quella canzoncina in francese continuerà a rovinarmi il sonno), i continui risvolti della vicenda, l'interpretazione di Lily Rabe e quella di Joseph Fiennes. (Ahahahahaahahah, dai che scherzo, non fate quelle facce! Gli hanno appioppato il ruolo PERFETTO!)

Asylum è uno splendore. Una gioia per i nostri occhi stanchi.

Coven
 Vi faccio sapere.

9 commenti:

  1. Domaniiii fino a domani devo aspettare per Coven, mannaggia ç__ç
    Comunque Asylum è stata un capolavoro (The Name Game!!!) ma MurderHouse è quella che mi ha fatto più paura!

    RispondiElimina
  2. prima puntata di coven: io ho goduto!

    RispondiElimina
  3. io ho iniziato la seconda stagione, e lo devo dì, suor Jude mi da i brividi, ma a Jessica Lange le fanno fare sempre la cattiva su AHS?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrebbe esserci ruolo migliore per lei:D

      Elimina
  4. Gustosa prima puntata, speriamo però che con le successive si alzi un po' il tiro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se finisce come Asylum, inizio buono ma fine BOMBA!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+