venerdì 17 gennaio 2014

Wolf Creek

(2005, Greg McLean)



Ultimamente ho MILIONI di pensieri per la testa, sono in un semi costante stato di nervosismo, tristezza e arrabbiatura. Detto chiaramente, mi girano le balle.
Volevo quindi vedere un film che fosse leggero, per quanto lo può essere uno dei filmacci che guardo io, ça va sans dire, almeno per distrarmi un po'.

'Guardati uno slasher tranquillino, dai!' mi sono detta.
'Sta cretina.

 Liz, Kristy e Ben hanno in programma una vacanza in giro per l'Australia. Quando la loro auto rimarrà bloccata nel bel mezzo del deserto, sarà un cacciatore, Mike, ad andare in loro soccorso. Se così si può dire.


La mia idea di pomeriggio sereno è andata lentamente scemando, in modo inversamente proporzionale col crescendo di tensione e fastidio che mi hanno presa durante la visione.
Si parte in un modo per nulla originale dal punto di vista del plot, tre amici partono per una vacanza, attraversano in auto una di quelle strade nel deserto da film cult, poi arriva un signore (il numero di signori è variabile, in questo caso uno basta e avanza) e li fa fuori tutti. (O no?)
Dall'arrivo del villain il film è una discesa, dal clima sereno e spensierato della prima parte, si arriva a un senso di angoscia e disgusto che sono talmente forti in certi punti da farti venir voglia di spegnere.
Non pensiate al dsgusto nel senso di scene di tortura e similia, perché in quel senso Wolf Creek è quasi un film pulito, niente viene mostrato, perché non è quello l'obiettivo. Qui sono molto più forti il senso di smarrimento, l'isolazione, la disperazione, un attimo di speranza, il coinvolgimento.
Non dei personaggi, il nostro, da spettatori.

Questo perchè fin dall'inizio ci sono dei dettagli che portano noi stessi insieme ai ragazzi. Per esempio:
  1. Sono ragazzi normali. A onor del vero sono scritti molto meglio della media dei personaggi da slasher, ma comunque niente figoni senza cervello, niente sgallettate, gli attori non sono nemmeno bellissimi.
  2. Il viaggio in macchina. I ragazzi guidano, parlano, cantano, ma la cosa migliore è che noi non li sentiamo perché quel genio di McLean ha coperto il tutto con la musica. Musica che è perfetta perché prima di tutto impedisce agli sceneggiatori di far dire delle cagate ai ragazzi, così noi possiamo continuare a volergli bene indisturbati, ma anche perché crea un clima più intimo, e ci sembra di essere in auto con loro a ballare.
  3. Quando i ragazzi si fermano a parlare la macchina non è mai ferma, fa movimenti quasi da filmino amatoriale, come se ci fosse proprio lì con loro un quarto amico che li riprende. (Chiaro che c'era, una persona a riprenderli, ma avete capito il senso, vero?) Quando poi si fermano a fare il pieno e Ben tira fuori la videocamera, beh, lì avrei applaudito. Non so se sta cosa abbia dato la stessa impressione anche a voi. Vederli così disperati e in pericolo quindi ha fatto malino al cuore.

Già la cura dei dettagli mette questo film al di sopra della media dei suoi contemporanei, ma anche il contrasto fortissimissimo tra la bellezza (sconvolgente, lasciatemelo dire, il mondo è un posto meraviglioso) dei paesaggi nella prima parte e i luoghi sporchi e crudeli della seconda fa la sua parte.

Come fa la sua parte l'interpretazione di John Jarratt, che riesce a creare un cacciatore da brividi, uno di quei personaggi che sicuramente non si dimenticano alla svelta. Mi ha lasciato un senso di rabbia ingiustificata (come lo sono i suoi omicidi, del resto, altra cosa cattiva fino al midollo).


Wolf Creek è cattivo. Uno dei migliori film degli ultimi anni, ma cattivo, cattivo, CATTIVO. Un maledetto infame.

La prossima volta che sono presa male io mi dò ai film di Eli Roth, ve lo dico.

10 commenti:

  1. Paura...terrorizzata per giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che ho faticato ad addormentarmi pure io!

      Elimina
  2. bellissimo, McLean è un ottimo regista che purtroppo lavora troppo poco...se non erro sta arrivando un sequel di questo film...speriamo bene....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto qualcosa del genere, ma il web mi dà solo indizi contraddittori!:)

      Elimina
  3. Filmone che ho adorato. E sta attenta che sta arrivando il due... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se gioirne o cominciare preventivamente a lamentarmi!

      Elimina
  4. personalmente l'aggettivo "cattivo" è uno di quelli che prediligo, ergo mi piacerebbe molto vedere questo film che purtroppo non conosco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! è anche uno degli aggettivi che uso più spesso quando un film mi ferisce particolarmente ma voglio risparmiare le parolacce! Conoscilo, ne vale la pena:D

      Elimina
  5. Terrificante.
    Visto in Patria fa ancora più effetto e non è difficile immaginarsi sperduti in mezzo all'Australia con il maledetto Jarrat ad alitarti sul collo. Anzi, è possibilissimo pure sognarselo, soprattutto dopo una gita ad Ayer'Rock con conseguente visione del film.
    Adesso aspetto con trepidazione il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ma anche tu, però, sei un po' masochista a vedertelo lìXD

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+