lunedì 23 febbraio 2015

V/H/S 2

(2013, registi vari ed eventuali)

Pioveranno tanti spoiler su di noi quanti Oscar ieri sera a Birdman.

Per mesi, e mesi, e mesi, illustri blogger mi hanno fatto notare che sarebbe stata cosa buona e giusta guardare V/H/S 2 perché ci stava dentro un corto che era una BOMBA che io nemmeno me lo potevo immaginare.
Questo è il motivo per cui siamo qui oggi.

Non starò a ripetervi per la volta numero millemila che io ai mock ci voglio bene nonostante tutto. Però, insomma, è giusto sappiate che parto un pochino prevenuta da questo mio sconsiderato amore.

EPISODIO CORNICE
Un investigatore privato e quella che credo essere la sua ragazza stanno indagando sulla scomparsa di un ragazzo. Entrano in casa del giovane e mentre l'investigatore legge i diari per cercare indizi, la donna trova delle videocassette e decide di guardarle.
Pessima, pessima idea.
Episodio che francamente non mi ha colpito, piuttosto piatto e banalotto nella realizzazione, lascia il tempo che trova, ma tanto ce ne frega poco perché qua stiamo tutti aspettando l'episodio 3 che se a questo punto non dovesse piacermi sarebbe una bella delusione.
La parte conclusiva di questo episodio, e quindi del film, è la sola cosa che mi abbia suscitato un minimo di interesse.

PHASE I: CLINICAL TRIALS
In seguito ad un incidente un uomo perde la vista. Si reca in una clinica in cui gli impiantano in modo sperimentale un occhio bionico, con il quale registreranno tutto quello che vede.
Questa opzione casca proprio a fagiolo dal momento che con l'occhio bionico questo si mette a vedere dei fantasmi e a noi vedere i fantasmi ci aggrada.
N.C.S.
Non ci siamo.
Troppo spiccio, troppo sbrigativo.
Perché i fantasmi ti devono ammazzare se, come ti ha detto la tua amica, non è il fatto che tu li possa vedere a determinare la loro presenza lì? Loro ci sono a prescindere. Perchè ammazzarti adesso? E se proprio ti devono far fuori perché magari non gli piace esser visti, perché concludere la faccenda in modo così poco soddisfacente?
Due secondi e trac, morti tutti e corto finito.
Ah, va beh.


A RIDE IN THE PARK
Un giovane esce per farsi un tranquillo giro in bici nel bosco. Incontra una ragazza ferita, e scopre che a farle del male non sono stati degli animali, quanto piuttosto degli zombie.
Il mock è giustificato dal fatto che il ragazzo abbia una telecamerina installata sul casco che indossa, quindi anche in questo episodio la questione non rappresenta un problema. 
Niente di eccezionale nemmeno in questo caso. Se volessi fare la pignola direi: com'è che c'è un epidemia zombie e la cosa non si estende oltre al bosco? Cioè, nel 'mondo' del nostro investigatore e della sua ragazza sembrano non saperne niente. Non ti sconvolgi di fronte ad un video di zombie se sai che esistono, se la notizia è già trapelata.
Sottigliezze a parte, abbiamo una discreta dose di splatter che ogni tanto ci sta bene, per un corto che tutto sommato si porta a casa tranquillamente, senza eccellere ma insomma non siamo mica tutti Romero, e grazie tante.

SAFE HEAVEN
FINALMENTE.
Avevano ragione a dire che è bello?
Sì.
Fa paura?
Sì.
Una troupe di giovani decide di intervistare il capo di una comunità. Da subito sentono la puzza di setta, ma vogliono entrare nel loro 'Paradiso' e vedere da vicino di cosa si tratta.
Entrano e scoprono che è ancora peggio di quanto pensassero.
Non dura molto, questo corto (e graziearca', è un corto), ma ci concentra il concentrabile, riuscendo a inserire in un minuscolo spazio vitale (cit.) nell'ordine: un personaggio inquietante, apparenti violenze sui minori, tradimenti amorosi, comunità spaventose, suicidi di massa, uomini che camminano in mutande in tempi non sospetti e quando Birdman ancora non era uscito, sacrifici di feti se così si può dire, messe nere, una Bestia che esce come il buon Alien insegna, talmente tanto sangue che gronda dalle pareti e un finale tra il grottesco e il terrificante.
Una gran visione, anche se adesso mi scappa la pipì e non sono certa di sentirmela di andare in bagno da sola.


SLUMBER PARTY ALIEN ABDUCTION
Sono in una fase della mia crescita personale in cui mi ritrovo spesso a guardare i ragazzetti adolescenti come se avessero costantemente bisogno di una mazzata in testa.
Come se io fossi tanto più grande.
Per questo motivo, vedere una manica di giovini poco furbi venire rapiti ad uno ad uno dagli alieni, non lo so, mi ha arrecato una certa soddisfazione.
Credo sia stato anche merito del fatto che tutto sommato il corto non è affatto male, non siamo di fronte al più intelligente degli esemplari di pellicola horror, ma si guarda con un discreto piacere.

Si conclude il film con l'ultimo pezzo dell'episodio cornice, che secondo me è l'unico meritevole di attenzione.
L'investigatore, di fianco al corpo della sua ragazza (che nel frattempo, sì, è morta), trova una videocassetta con scritto 'Guarda' e lui PRONTI! guardiamolo.
Scopre che i video che ha visto la sua ragazza hanno una brutta influenza sul cervello di chi li vede. Il modo per liberarsi della 'maledizione' è girare a propria volta un video maledetto, a catena.
Ed è esattamente quello che sta facendo il ragazzo scomparso quando ammazza l'investigatore.
Molto, molto interessante.
Questo vuol dire che ora tocca a me far fuori qualcuno? E' questo che mi stai dicendo? Devo continuare la catena?
Perché se è questo che vuoi devo riconoscere che con tutti i film visti potrei avere maturato una discreta esperienza.



6 commenti:

  1. Ci sono anche io tra quei blogger che hanno esaltato Safe Haven, mostruoso ;)

    bellissima carrellata e analisi, complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo, era stato proprio un tuo sollecito a farmi venir voglia di recuperarlo!
      Grazie!**

      Elimina
  2. con Safe Heaven siamo proprio al top ma anche gli zombie nel parco mi hanno procurato discreto sollazzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sono stati i miei due preferiti, anche se il picco del terzo episodio non si raggiunge!

      Elimina
  3. Io devo ancora recuperare sia il primo che il secondo episodio. Dai, passati gli Oscar cercherò di mettermi in pari! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facci sapere cosa ne pensi, poi, eh!:)

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+