domenica 19 aprile 2015

The Wicker Man

(1973, Robin Hardy)

Vi ricordate che vi avevo detto che quando sono tanto contenta guardo un film che so che sarà bello perché mi voglio auto-premiare?
Ecco, lo faccio anche quando mi succede qualcosa di brutto.
Quindi, direi che siamo nelle condizioni perfette per vedere una pellicola come The Wicker Man di cui le persone che si intendono per davvero di cinema parlano sempre con voce gloriosa e occhi innamorati.

Un poliziotto viene mandato a indagare in una bizzarra località a proposito di un caso riguardante una ragazzina.
Twin Peaks?
No, no, garantisco che era The Wicker Man.


Un film che o lo conosci, l'hai visto, lo ami, oppure non avevi mai sentito nominare neanche per sbaglio. Io ero, con mia suprema umiliazione, parte della seconda categoria.
Mai doppiato in italiano, non che la cosa mi urbi più di tanto, mai distribuito in Italia e lasciato lì a cadere nell'oblio. Se ne è salvata una copia per il rotto della cuffia. Con nostra immensa fortuna.

Fortuna perché questo film (uscito in un'epoca in cui era difficile non passare in sordina, visti gli altri piccoli e insignificanti filmetti dei primi anni 70), visto oggi, conserva un fascino ineguagliabile.
E' affascinante la piccola isola in cui il sergente arriva, richiamato da una lettera anonima per indagare sulla scomparsa di una bambina di nome Rowan. E' affascinante l'aria che inizialmente su quest'isola si respira: libertà assoluta, sessuale e non solo, il rapporto tra i concittadini, le canzoni, il localino in cui vanno tutti a bere e incontrarsi.
E' affascinante questo Christopher Lee.
Miseria, questo Christopher Lee. C'è stata anche un'epoca in cui non ha avuto 750 anni, pensate un po'. Il 'santone' dell'isola, vogliamo chiamarlo così? Un ruolo che in tanti hanno interpretato nel corso della storia, perché le comuni vanno via come il pane. Eppure, lui è diverso da tutti quelli che ho visto fino ad ora. Non impone un proprio supposto carisma, che servirebbe a giustificare il suo ruolo lì. Non urla, non strepita frasi metaforiche finto profonde, lui è il super boss perché l'isola gli appartiene, l'ha comprata suo nonno.

- Per inciso, avendo recitato solo per la gloria dato che non ha visto un centesimo manco per piacere, avrebbe potuto andare lì tanto per, far due cagatine e andar via. E INVECE. Non solo è stato incredibile, ma ancora oggi gli piace dire che questo è uno dei suoi film più riusciti. Bella zio, c'hai ragione. -


E poi, arriviamo a parlare della questione fanatismo, perché non se ne scappa.
Da un lato abbiamo il sergente Howie, cristiano devoto, illibato in attesa delle nozze, che nella sua fede trova la forza e la speranza, e che alla sua fede si affida fino alla fine. Dall'altro, la comunità di Summerisle, così gioviale, e cortese, e divertente, che però...
Questo mi terrorizza. Sul serio. Il momento in cui il credere in una qualsiasi religione o fede prende il sopravvento sulla ragione in modo cieco e 'sparato', mi spaventa. Per questo, ho molto amato il momento della fine che posso rivelarvi senza spoiler: Howie che, in una situazione che definirei di emergenza, invita tutti ad una cosa sola. PENSARE. E lo continua a ribadire, a sottolineare. Pensate, pensateci, pensateci davvero.
Se poi collochiamo questi atteggiamenti in una pellicola che si sfoglia come un libro, è tutto un crescendo di tensione, e confusione, che non può finire bene.
Il riferimento allo sfogliare non è casuale. E nemmeno quello precedente a Twin Peaks. E siccome sono una vera ribelle, ci metto anche un libro: Abbiamo sempre vissuto nel castello.
In tutti questi casi, niente è come sempre. Ci viene inculcata un'idea, o ci viene comunicata in modi meno diretti durante il percorso. Poi, arriviamo alla fine, e tutte le nostre idee sono ribaltate.
Non si tratta più solo di plot twist, non sono semplici colpi di scena.
Sono eventi che cambiano completamente il senso della storia, che mettono tutti sotto una luce diversa, che ribaltano la pellicola.
In un modo che ti fa capire che quella che hai appena visto è una perla con una marcia in più.

Era da tanto che un film non mi disturbava così sul finale.
Un tramonto che credo non scorderò facilmente.
Soprattutto se penso che con i soldi che loro hanno speso per fare sto film io più o meno ci faccio shopping da H&M, Zara no che già costa troppo.




12 commenti:

  1. Film incredibile, come ahimè non se ne fanno più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pochissimi film recenti mi hanno regalato un finale così!

      Elimina
  2. Pietra miliare dell'Horror, mentre il remake, è una pietra miliare delle risate involontarie, per ragioni diverse, li amo entrambi ;-) Gran commento! Cheers ;-)

    RispondiElimina
  3. Ecco... io lo conosco ma, colpevolmente, non l'ho mai visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. re-cu-pe-ro, re-cu-pe-ro!
      toh, perfino i cori da stadio.

      Elimina
  4. si è un film incredibile, ne ho parlato anche io tempo fa ;) per alcuni è il quarto potere dei film dell'horrore, per me è un cult assoluto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che a onore del vero prima di informarmi a me non è che ispirasse troppo? Eppure...

      Elimina
  5. Che bel regalo di compleanno con la recensione di un film che bramo di vedere da anni!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti auguroni allora!:* (in vergognoso ritardo)

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+