lunedì 21 dicembre 2015

Non solo horror: Star Wars - Il risveglio della Forza


Caro R,
di nuovo Star Wars e quindi di nuovo tu. Facciamo che l'altra volta non è mai esistita, eh? Che io La minaccia fantasma non l'ho mai visto.
Ti ho regalato i biglietti, prenotati con largo anticipo, nonostante io sia completamente estranea alla fandom (che parola da bimbaminchia oh), nonostante ti prenda sempre in giro, perché poche altre volte ti ho visto così impaziente nell'attesa di qualcosa. Così entusiasta, così coinvolto. Penso di averti reso così felice poche altre volte in questi quattro anni. Ti ho invidiato anche un po', per questo tuo essere parte di questa planetaria famiglia di persone felici, in fremente attesa di quella che è una cosa solo apparentemente piccola, un film. Mai che mi sia lamentata della devastante campagna online, dell'esplosione delle guerre stellari dell'ultimo periodo, perché per me eravate bellissimi. Adoro gli esseri umani quando sono legati da una passione così forte. So che il motivo per cui comprendi come mai amo così tanto questo blog e quello che ci faccio dentro è perché anche tu hai una passione così.

È stato bellissimo sentirti raccontare l'Episodio IV alla tua morosa ignorante, è stato coinvolgente e vederti così eccitato, gioioso, è stato stupefacente come vedere un bambino per la prima volta davanti ai fuochi d'artificio. Se possibile ai miei occhi eri ancora più bello.
Ero preparata a dormire, però, e io dormo SEMPRE in sala, lo sai bene. Due ore e passa di roba fantasy con i robot pronte a spedirmi tra le braccia del mio nemico di sempre, Morfeo. 
Alla faccia delle migliori delle aspettative, sono stata sveglia. 

Sono tanto sorpresa quanto lo sei tu, che il giorno dopo hai raccontato a tutti traboccante di gioia che 'Star Wars è piaciuto anche alla Mari!!'. Eppure mi è piaciuto davvero. 
Leggo online cose estreme, sto film è osannato (lo vuoi leggere o no questo post del Doc Manhattan che te l'ho già detto mille volte?) oppure screditato e liquidato con due paroline buttate lì tipo 'Fa cagare', cosa che mi sta sulle balle a prescindere.
Chiaramente il mio giudizio è filtrato sulla base del fatto che non ho colto mezzo riferimento manco a domandarlo per piacere, fattelo bastare com'è.

Nonostante la mia estraneità ai personaggi l'aria di 'ritorno in famiglia' mi è stata chiarissima, tanto da fare sentire un po' l'emozione di rivedere certi volti anche a me che non sapevo nemmeno a chi appartenessero, a parte Harrison Ford che però io associo solo al nome Harrison Ford. Sono i dettagli che fanno la differenza, e la scelta di far dire proprio quel 'Siamo a casa' che si sente anche nel trailer, oppure quella di mettere in stand-by un droide perché manca il suo 'compagno' (come si dice? che relazione c'è tra i due? aiutami dai), sono state adorabili ma mai cheesy. 
Ho avuto la sensazione che ci sia un'aria di tolleranza che noi ci sogniamo, nel mondo che tanto ami. Persone di pianeti diversi, di razze diverse, amiche come se fossero identici, legate da un rapporto tale che supera le apparenti problematiche comunicative. Noi facciamo fatica a sopportare gente come noi, questi comunicano con uno alto due metri e venti abbondanti come se fosse uno di loro. Visi deformi, pelosi, troppe troppe zampe, ma tutti uguali. L'unica cosa che li distingue è il loro appartenere al Bene o al Male, ovvero quello che possono scegliere. Mi pare che la sola cosa veramente fantascientifica di sto film sia questo.
La scelta è un bel temone del film,o così mi è parso. Ha fatto una scelta Finn (e però a quelli là del Primo Ordine sta di un bene che mi ridono persino le chiappe, perché se lavori con gli esseri umani questo è quello che ti può succedere, non importa quanto bene li addestri. Abbiamo capacità di pensiero, abbiamo quella cosa che ai cristiani piace chiamare libero arbitrio. Vi tenevate i cloni e poche balle), ma l'ha fatta anche Kylo Ren. Entrambi sono stati torturati dal cervello fino a che hanno preso una posizione, è quello che succede anche a noi, eh. Le cose ti girano in testa, e ballano e ballano e ballano fino a che non le blocchi. E le blocchi agendo.
Agiscono entrambi, portandosi appresso le conseguenze. 
Ho temuto un po' per te e la tua emotività, ma hai conservato la tua preziosissima dignità, sono molto fiera. 

Vorrei dirti che anche le scene d'azione mi hanno tanto appassionato, che mi sono sentita fomentatissima e che domani inizio anche io l'addestramento da giovane padawan, ma conosci troppo bene la tua polla, di quelle cose lì non me ne frega niente. Per me spade, navi, armature, zero proprio, non noto la differenza tra una cosa e l'altra e per il momento mi va bene così.
Mi importa quanto mi sono divertita, quanto il ritmo sia stato (incredibilmente) in grado di tenermi sveglia sebbene fossi reduce da diversi turni di mattina al lavoro, quanto mi sono emozionata nonostante arrivassi al cinema conoscendo già la fine del film. 
È per questo che nessuna recensione negativa avrà mai presa su di me: mi ha intrattenuto quando credevo avrei odiato ogni fotogramma, e questo nessuna critica oggettiva e ben argomentata può togliermelo.
Non solo è stato un bellissimo modo di trascorrere una serata con te, questo Star Wars ha fatto anche una cosa che ha dell'utopico: mi ha fatto venir voglia di guardare subito sto benedetto Una nuova speranza. 
Tu porta il film, io faccio i muffin.



8 commenti:

  1. Inizio solo oggi a leggere qualche recensione dopo l'appuntamento al cinema di ieri, e la tua è davvero splendida perchè recensione non vuole propriamente essere ed è scritta dal cuore. Confermi poi le mie stesse sensazioni, il mio stesso entusiasmo: non posso dirmi vera e sfegatata fan, mi sono addormentata ad ogni altro episodio, ma qui, la magia, il ritmo, la bellezza sono state troppe per riuscire a sconfiggermi. Critiche negative? Non voglio sapere quali. Per me non ce ne sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, Lisa! Per me le critiche sono sempre benaccette quando sono ben argomentate, le ascolto sempre, poi resto della mia: SW VII è stato bellissimo!:)

      Elimina
  2. Il film non l'ho ancora visto, ma la tua recensione mi ha fatto rivivere le stesse emozioni che provai quasi quarant'anni fa, quando vidi "Guerre Stellari" al cinema (allora si chiamava così...). Mi sono commosso, e questa tua recensione basta da sola a spiegare il perchè di un mito, la saga di Star Wars.
    Complimenti davvero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore! Quel mitico Guerre Stellari sarà la mia prossima visione, spero davvero di uscirne altrettanto entusiasta!

      Elimina
  3. Splendida recensione emozionale :) Credo proprio che la citerò nel mio prossimo articolo!

    RispondiElimina
  4. Che bella recensione! :)
    Dai, un bel film Il Risveglio Della Forza. Secondo me molte delle critiche nascono dal fatto che la saga di Star Wars è troppo sopravvalutata e sul film c'erano aspettative troppo alte. Che si aspettava la gente? Un film come 2001?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Non ne ho idea, ma di sicuro arrivare in sala senza aspettative mi ha molto aiutato a godermelo come merita!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+