venerdì 29 gennaio 2016

Mi metto in pari: Maggie

Questa cosa che gennaio sta giungendo in dirittura d'arrivo deve finire.
Io ho cose da fare, il tempo non può permettersi di scappare così.
Intanto, però, sto continuando a guardare film dell'anno scorso, tanto per avviarmi verso i prossimi undici mesi senza troppe carenze.
Da blogger professionale e con una precisa strategia (lol) vi ricordo anche che sulla pagina Facebook (che sta qua) ogni tanto ci scappano recensionine ultrarapide su film random.


C'è un momento ben preciso, in Maggie, che mi ha fatto dubitare della necessità di questo post.
Meg si dondola sull'altalena, ripensa all'attacco che ha subito. Nello stesso momento, la compagna del padre è in casa a cucinare, e ascolta le persone che alla radio parlano di come andrebbero trattate le persone che stanno per trasformarsi. Chi parla usa una gelida terza persona plurale, quel 'loro' che priva di ogni umanità, che unisce tutti in un terrificante insieme di esseri da eliminare.
Eppure Maggie è lì, è sull'altalena. È sempre lei.
Si sentono i conduttori dire che chi viene morso va ucciso, punto. Sono pericolosi. Nel fotogramma dopo, la compagna del padre corre fuori, e siccome fino ad un secondo prima aveva in mano un coltello, il collegamento è immediato: prova ad ammazzarla.
Invece no, sta correndo a soccorrerla, Maggie è caduta, sembra ferita.
È stato un colpo piuttosto forte: percepite la freddezza di chi da questo virus evidentemente non è mai stato colpito e poi di colpo lei, che dà il titolo al film, che di questo virus ne è vittima. Ed è umana, è come me, ma quelli che parlano di soppressione mica lo sanno. O meglio, mica ci pensano.
A fronte di un momento così intenso, cosa possono le mie parole?

Quale recensione potrà mai rendere giustizia al grandioso Arnold, che guarda negli occhi i suoi vicini di casa, ormai zombie, e li chiama per nome? Li implora di parlare, perché non c'è niente di più umano della comunicazione. Se avesse sentito le loro voci non li avrebbe mai uccisi.
Quale frase potrà spiegarvi quello che si prova nel vedere l'ultimo abbraccio tra due amiche cresciute insieme, che ci è mostrato in una scena così delicata e forte allo stesso tempo, il momento in cui per la prima volta Maggie e suo padre si lasciano andare alle più inconsolabili delle lacrime.
Così come è inspiegabile la situazione di chiunque li circondi. intrappolato nell'incapacità di dire qualsiasi altra cosa che non sia il solito 'Mi dispiace.'
E questi infiniti primi piani di un padre sofferente sono difficili da sostenere. Se un tempo, nei suoi cultissimi action i sottili occhi di Arnold contribuivano a quell'aria da duro che tanto lo avrà aiutato nella sua carriera, qui sembrano appesantiti dal dolore, e vederlo piangere è quasi un'esperienza mistica.


Ognuno in Maggie ha ragione: hanno ragione i poliziotti che hanno una città da proteggere, ha ragione Caroline a scappare, nonostante i suoi innumerevoli tentativi di stare vicino ai suoi amati.
Ma al cuore cosa importa di chi ha ragione? Come si va oltre l'amore più grande che si possa immaginare per fare la 'cosa giusta'?
La mia mente si rifiuta di affrontare un pensiero simile, ci ho provato, ma scappo.
Il colpo di grazia me l'ha dato, di nuovo, Arnie, quando, durante un attacco, la supplica 'non ancora'.
Chi glielo va a spiegare che il momento giusto non arriverà mai?

Lasciate perdere gli sgozzamenti, orde di zombie uccise con precisi colpi alla testa.
Vi sfido a guardarli di nuovo con gli stessi occhi, dopo tutto questo.

16 commenti:

  1. Ecco..si...diciamo che il mio cuore di mamma con questo film ha fatto proprio crac...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non oso nemmeno immaginare come sia vederlo avendo dei figli!

      Elimina
  2. a me non ha piaciuto per niente, perchè se si vuol fare un film drammatico ci si devon mettere gli zombi dentro? ehehe...A parte gli scherzi, l'ho trovato un po' insipido e per me Arnold può anche tornare a fare action :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli zombi sono una metafora così forte allora benvengano! O forse io dico così solo perché ai ritornanti voglio tanto bene...<3

      Elimina
  3. Ho pianto a fontanelle anch'io.
    Quell'immagine, tra la radio e il coltello, l'avevo rimossa. Grazie per avermela portata alla memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se è stato un bene, se ci ripenso piango di nuovo!:D

      Elimina
  4. E' stata davvero una bella sorpresa, questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo sapevo che l'avrei amato, dopo le varie recensioni...

      Elimina
  5. Un film eccellente, ingiustamente denigrato perché ritenuto lento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà la riscossa della povera lentezza, così mal vista!

      Elimina
  6. Questo, ahimè, mi ha annoiato. Malgrado il mio affetto per Schwarzy e la mia attrazione per tutti i film di zombie che cercano di essere diversi dal solito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo caso, come spesso accade, l'arte colpisce ciascuno in modo diverso!

      Elimina
  7. Questi sono film fatti per farmi piangere. Non c'è altra spiegazione, li fanno per questo. Comunque per me uno dei migliori horror (lo so, non è che sia un horror, ma gli zombi ci sono) dell'anno scorso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, ha colpito le corde che con me funzionano più di tutte (il rapporto padre - figlia) e con quelle mi ha distrutto!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+